+ 351 7578 121

Come diventare Endodontista

come diventare endodontista

Un dentista può decidere di intraprendere dopo la laurea un percorso di specializzazione ed ottenere un nuovo “titolo”. Un odontoiatra può infatti essere specializzato in diverse branche dell’odontoiatria come la pedodonzia, l’Endodonzia Roma, la parodontologia ecc.

Vediamo nello specifico chi è e di cosa si occupa un dentista specializzato in endodonzia e quale formazione specifica è necessaria per diventare un endodontista.

Chi è l’endodontista

Per comprendere a fondo chi è l’endodontista e il suo lavoro bisogna prima sapere cos’è l’endodonzia. L’Endodonzia Roma è quella disciplina odontoiatrica che si occupa dell’endodonto (tessuti interni al dente) e delle sue patologie.

All’interno dei nostri denti c’è un tessuto molle, detto polpa dentaria o, più comunemente, nervo del dente. Questo tessuto si estende dalla corona alla punta della radice del dente, dove questa si “attacca” all’osso.

Inoltre, la polpa contiene altri tessuti importati come: vasi sanguigni, tessuto nervoso e tessuto connettivo. Per questo la salute della polpa è fondamentale per quella del dente: i vasi sanguigni e i tessuti al suo interno forniscono nutrimento e sensibilità al dente.

L’Endodonzia Roma, dunque, si occupa di studiare, diagnosticare e curare le patologie che possono colpire la polpa dentaria. Le carie sono un esempio di infiammazione della polpa dentaria studiata e curata dall’endodontista.

Di cosa si occupa

L’endodontista entra quindi in gioco quando i tessuti interni al dente sono infiammati e danneggiati da patologie endodontiche, come le carie. Quando la polpa dentaria si infiamma e si ammala, l’endodonzia si occupa di salvare il nostro dente.

In caso di infiammazioni di questo genere, è sempre importante recarsi dal proprio dentista endodontista per valutare la situazione ed agire di conseguenza. Quando si ha una carie, infatti, i batteri iniziano a proliferare, erodendo dapprima lo smalto dentale, per arrivare sempre più all’interno.

Le carie più profonde possono arrivare senza troppi problemi alla polpa dentaria e provocare un’infezione più grave. Il compito dell’endodontista è dunque quello di prevenire che ciò avvenga, diagnosticando e trattando la carie fin dal principio.

Lo scopo dell’endodontista è infatti quello di studiare i tessuti interni del dente, le loro patologie e i relativi trattamenti e di evitare complicazioni, come specificato dalla SIE (Società Italiana di Endodonzia).

L’endodontista, grazie alla sua formazione specialistica, è in grado di salvare il dente e la sua radice ed evitare al paziente estrazioni dolorose curando l’infiammazione. La cura endodontica, infatti, permette di agire sulla polpa del dente per eliminare il tessuto infetto e preservare così il dente.

Percorso di studi

Vediamo quale percorso di studi bisogna intraprendere per diventare un dentista endodontista. Come sappiamo, l’endodontista è in primo luogo un dentista, con una formazione specialistica in endodonzia.

Di conseguenza, è necessario prima di tutto diventare dentista intraprendendo il corso di laurea specialistico in Odontoiatria e Protesi dentaria presso la facoltà di Medicina e Chirurgia.

Una volta conseguita la laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria, si potrà accedere alla specializzazione in Endodonzia. Di norma si tratta di un un master universitario della durata di 2 anni.

Articoli Correlati